Il Gioco E' Vietato Ai Minori Di Anni 18. Il Gioco Puo' Causare Dipendenza. Gioca Responsabilmente

   

Rappresentano un ottimo modo per costruirsi un bankroll gratis e di fare esperienza senza rischiare soldi, ma con la possibilità di vincerne di veri. Si tratta dei tornei freeroll: cosa sono? È molto semplice: non sono altro che tornei di poker online gratis, che non hanno cioè alcun costo di iscrizione, ma che invece permettono di portarsi a casa dei premi reali, soldi che possono essere utilizzati per iscriversi ad altri tornei o per rimpinguare le proprie casse.

I più ambiti sono i tornei freeroll senza deposito, aperti cioè proprio a tutti gli utenti delle poker room online: in questo genere di eventi non esistono requisiti, ovvero non occorre aver caricato il proprio conto di gioco con soldi veri. Ma quelli senza deposito non sono gli unici tornei freeroll in circolazione. Cerchiamo di addentrarci meglio in questa particolare forma di poker gratuito.

Tornei Freeroll: Che Cosa Sono?

Come detto, i tornei freeroll sono eventi di poker online nei quali è presente un montepremi - generalmente piccolo, ma comunque significativo - anche se ai giocatori non è richiesto alcun tipo di pagamento. Ci si iscrive, si gioca, si cerca di arrivare in the money e il denaro raccolto va a finire direttamente nel proprio account, pronto per poter essere utilizzato. Una vera e propria manna dal cielo, soprattutto per i giocatori amatoriali o i principianti alle prime armi.

I tornei freeroll, infatti, hanno una duplice valenza: servono per (cercare di) accumulare denaro e per guadagnare un po' di esperienza. Nel primo caso ci riferiamo in particolare ai cosiddetti recreational player, cioè quelli che giocano per svago e che non hanno ancora maturato velleità di carriera pokeristica (a nessun livello). Grazie ai tornei freeroll gratis, questi giocatori possono accumulare un po' di soldi da usare poi per pagare il buy-in di altri tornei, sit and go, satelliti o Spin & Go.

Per quanto riguarda l'esperienza, i tornei freeroll sono importanti perché rappresentano un compromesso ideale: non applicano troppa pressione al giocatore, visto che non ha investito nulla, ma lo spingono comunque a giocare al meglio perché in palio c'è un premio concreto. Vero, si può ottenere un po' di esperienza anche giocando in modalità a soldi finti (play money), ma qui manca quel requisito fondamentale psicologico: non c'è nulla in palio. E sono davvero tanti i giocatori che non riescono a dare il massimo quando sanno che stanno giocando semplicemente per la gloria.

Tornei Freeroll: i Migliori

I tornei freeroll con premi fanno parte dell'offerta di tutte le poker room online che si rispettino. Ma non tutti sono uguali: va da sé che i tornei freeroll migliori sono quelli che, come abbiamo già accennato, non pongono alcun paletto. Questo genere di eventi sono aperti a tutti, senza restrizioni, se non quella naturalmente di aver aperto un conto di gioco sulla poker room scelta.

D'accordo, ma come si scelgono i migliori tornei freeroll in senso assoluto? Il criterio è intuitivo: i migliori sono quelli più facili. A meno di non trovarsi seduti contro i più forti professionisti dell'high stakes (ma non è certo questo il caso nei tornei di poker gratis!), in linea generale più è ridotto il field e maggiori sono le probabilità di riuscire ad arrivare nella zona cosiddetta in the money, cioè di quei giocatori che ricevono una ricompensa una volta che sono eliminati - o quando è finito il torneo, se avete la fortuna e la bravura di arrivare fino in fondo.

Questo significa che in linea totalmente teorica - molto dipende infatti dal periodo e persino dalla singola giornata - i migliori tornei freeroll si disputano nelle poker room online che non hanno un traffico esagerato. Considerato che PokerStars è di gran lunga la sala da poker virtuale numero uno in Italia, possiamo affermare che da questo punto di vista i migliori tornei freeroll si giocano più o meno in tutte le altre poker room.

Tutti i Tipi di Tornei Freeroll

Giunti sino a qui avrete ormai sicuramente capito o quantomeno intuito che non esiste soltanto un tipo di torneo freeroll. A dirla tutta ce ne sono di diversi, ciascuno dei quali con le proprie caratteristiche e per questo motivo ciascuno più adatto a una determinata categoria di giocatore piuttosto che a un'altra.

Niente paura: ci pensiamo noi ad affrontare l'argomento e a facilitarvi il compito di scegliere i tornei freeroll migliori a seconda delle vostre caratteristiche ed esigenze.

Tornei Freeroll Senza Deposito

Mettetela come volete, ma questi non si battono. I tornei freeroll senza deposito sono il non plus ultra nella categoria del poker gratis. Vi abbiamo già spiegato i motivi, ma vale la pena ripeterci: se cercate un modo per guadagnare soldi giocando a poker online, senza investire neanche un centesimo, i tornei freeroll senza deposito sono proprio ciò che fa per voi.

Tornei Freeroll Con Password

Non vi allarmate: la password dei tornei freeroll non vi richiederà di hackerare i computer della NASA o di craccare chissà quale codice scritto in una lingua antica. Semplicemente, alcune poker room richiedono l'inserimento di una password che divulgano principalmente attraverso i loro profili dei social network, magari in determinati orari della giornata oppure rispondendo a una domanda o a un quiz facilmente risolvibili.

Tornei Freeroll Ogni Ora

Ci sono alcune poker room che offrono tornei freeroll ogni ora, magari non sempre ma in occasione di determinate promozioni o in particolari periodi dell'anno. Un'occasione da cogliere al volo, questa, perché naturalmente una frequenza così alta di freeroll al giorno permette di ottenere maggiori opportunità di giocare e di conseguenza di arrivare a premio.

Tornei Freeroll Notturni

Questa categoria è molto particolare e merita una discussione a parte. Sebbene i tornei freeroll notturni non siano poi diversi, dal punto di vista della struttura e del payout, rispetto a tutti gli altri tornei di poker online gratis, la loro particolarità e convenienza sta nel fatto che solitamente nelle ore più avanzate della sera, quelle che sfociano nella notte, il traffico ha già superato il suo picco. Questo significa dover affrontare field sensibilmente più piccoli, ma anche affrontare giocatori che - vista l'ora - potrebbero essere stanchi e quindi poco concentrati. In poche parole, i tornei freeroll notturni sono ideali se volete massimizzare le opportunità di arrivare a premio.

Tornei Freeroll Senza Registrazione

Quella dei tornei freeroll senza registrazione è una categoria del tutto particolare, che esula dal contesto delle poker room. Qualsiasi sala da poker virtuale vi chiederà infatti di aprire un account per poter partecipare a una partita di poker, che si tratti di un torneo o di un tavolo cash. I tornei freeroll senza registrazione si possono trovare invece navigando attraverso i numerosi browser game o le numerose app dedicate al poker. Badate bene però: in questo caso in palio non ci sono affatto soldi veri.

Vincere i Tornei Freeroll

Avete aperto un conto di gioco, avete depositato (ma non necessariamente, come abbiamo visto) una sommetta (piccola o grande che sia) e volete fare un po' di pratica giocando gratis ma con la possibilità di concorrere per un montepremi. Perciò, come si fa a vincere i tornei freeroll? Non è così semplice come potrebbe sembrare.

Partiamo comunque dai lati positivi. I freeroll sono tornei piuttosto facili da affrontare, perché popolati per lo più da giocatori alle prime armi. Questo vuol dire che non dovrete scervellarvi pensando a chissà quali mosse tecniche e strategiche: vi basterà una buona hand selection e la capacità di tirare il freno a mano quando in realtà vorreste bluffare: il bluff, nei tornei freeroll, funziona molto di rado perché le persone sono propense a giocarsi tutti i colpi, visto che non hanno nulla da perdere.

Per contro, i tornei freeroll hanno strutture di gioco che tendono a collassare abbastanza spesso. D'altra parte stiamo parlando di tornei di poker gratis, non vi aspetterete mica la struttura dei bui del Main Event WSOP, dove i livelli aumentano ogni due ore! Generalmente il level up dei bui avviene ogni 5 minuti, 10 al massimo, e soprattutto già dopo pochi livelli entrano in gioco le ante.

Anche lo stack di partenza è tendenzialmente esiguo. Questo significa che presto il torneo freeroll si tramuta in una festa di all-in, call ed eventualmente fold, dove l'abilità conta meno e la fortuna gioca un ruolo più importante. Questo però non significa che non si possa adottare una strategia ottimale: giocare meglio degli altri significa comunque aumentare le probabilità di vittoria.

Tornei Freeroll: la Strategia

Il nostro consiglio è di affrontare i tornei freeroll con una strategia particolare. All'inizio evitate di farvi coinvolgere nei piatti senza mani davvero forti: farlo significa esporsi alla possibilità di sprecare gettoni preziosi quando i bui sono ancora relativamente bassi. Meglio foldare tutte le mani tranne le migliori, tipo A-A, K-K, Q-Q ed eventualmente A-K e J-J. Con queste mani, sentitevi liberi di rilanciare pre-flop e finire anche ai resti: nella stragrande maggioranza dei casi vi giocherete un raddoppio in netto vantaggio.

L'obiettivo è quello di arrivare alle fasi intermedie con uno stack che non vi obblighi ad andare all-in ogni volta che avete intenzione di entrare in un piatto. Se doveste essere eliminati nei primi livelli del torneo, adottando la nostra strategia per i freeroll, poco male: non avrete perso nulla ed avrete sempre la possibilità di iscrivervi al prossimo.

Se invece, come spesso dovrebbe succedere, questa strategia vi porterà ad effettuare uno, o magari anche più di un double-up, allora affronterete le fasi intermedie con un certo cuscinetto protettivo. Ovvero, potrete permettervi anche di perdere qualche mano senza per questo compromettere la vostra permanenza del torneo.

Durante le fasi intermedie, gli short stack saranno costretti a mandare la vasca, schiacciati dal peso dei bui e delle ante. Lo faranno spesso anche con mani mediocri, non può essere altrimenti: l'alternativa è perdere tutte le chip senza giocare, proprio a causa di ante, small blind e big blind. Il vostro stack abbastanza corposo vi permetterà ora di prendervi qualche rischio in più, chiamando gli all-in degli short stack con mani un po' più marginali come tutte le coppie dal dieci in giù, gli assi accompagnati dalle figure, gli assi suited e le carte alte come K-Q, K-J e Q-J.

Alle fasi finali di un torneo freeroll, tutti i giocatori si ritroveranno più o meno nella stessa situazione: tolti gli inevitabili short stack, che magari avranno chip a sufficienza per resistere un paio di giri senza cercare il raddoppio, e magari qualche big stack particolarmente fortunati, i superstiti si ritroveranno a dover gestire un monte-chip che non permette di dormire sonni tranquilli.

Qui la strategia consigliata è quella di attaccare chi più ha da perdere: non scontratevi per forza di cose con gli short stack, che saranno alla ricerca di qualsiasi occasione per provare a racimolare un po' di chip, ma evitate anche i big stack, che potrebbero decidere di giocarsi un colpo sapendo che in ogni caso, anche se la mano andasse male, non sarebbero comunque eliminati dal torneo.

Attaccate dunque gli stack medi, come il vostro: questi giocatori hanno tutto da perdere e niente da guadagnare nel rispondere alla vostra aggressività. Non hanno così tante chip come i big stack per fare la voce grossa, ma non ne hanno neppure così poche come gli short stack da essere talmente disperati e quindi disposti a tentare la sorte.